La serie

Tutti i romanzi di Massimo Carlotto con protagonista l’Alligatore


La verità dell’Alligatore

1995

224 pp.  – € 9,50 – Edizioni E/O

La verità dell'Alligatore di Massimo Carlotto

L’Alligatore è un ex cantante di Blues. Ingiustamente condannato a sette anni di carcere, gli è rimasta addosso la fragilità degli ex dete­nuti e l’ossessione della giustizia.
Ha messo a frutto le sue «compe­tenze» e le sue conoscenze nella malavita divenendo un investigato­re molto particolare: più a suo agio nel mondo marginale ed extra legale che tra poliziotti e magistrati, ricorre volentieri all’aiuto di strani «personaggi», primo fra tutti Beniamino Rossini, un malavitoso milanese con il quale ha stretto una bella amicizia malgrado le differenze culturali e di temperamento.

I due intuiscono presto che gli omicidi di due donne, imputati a un povero tossico, sono in realtà maturati nei corrotti ambienti di una certa bor­ghesia di provincia…

Con il personaggio dell’Alligatore nasce in Italia un nuovo tipo di giallo, più vicino al noir americano per la capacità, tutta nuova nel nostro paese, di elaborare e raccontare esperienze realmente vissute nel mondo del carcere, della latitanza, dell’extralegalità.



Il mistero di Mangiabarche

1997

240 pp. – €9,50 – Edizioni E/O

Alligatore Carlotto - Il mistero di Mangiabarche

Seconda puntata delle avventure dell’Alligatore, ovvero Marco Buratti, strano tipo di investigatore con la passione del blues, del calvados, e degli assistenti malavitosi, come Beniamino Rossini, gangster di vecchio stampo. A questi personaggi – e ai loro tic, alle loro manie – ci siamo già affezionati: segno indubitabile che il loro autore ci sa fare. Stavolta la vicenda si svolge tra la Sardegna e la Corsica: l’Alligatore ha ricevuto un incarico assai delicato – ovvero “rognoso” – da tre avvocati cagliaritani che hanno scontato anni di carcere per l’omicidio (presunto) di un altro avvocato, tale Giampaolo Siddi. Che però morto non è, anzi gode di ottima salute, soprattutto finanziaria, grazie a lucrosi traffici illegali. Seguendo la pista del Siddi viene alla luce l’esistenza di una vera e propria banda criminale di eterogenea composizione – ex funzionari del Sisde, trafficanti di droga, avvocati corrotti, delinquenti francesi assoldati per stroncare l’indipendentismo corso – ma unita da un curioso gergo derivato da un vecchio film francese. Il gioco sui nomi – testimoniato anche dalla presenza di Marlon Brundu, e dello stesso “Mangiabarche” – serve ad alleggerire una vicenda “forte”, che presenta aspetti molto crudi. Tant’è vero che, nonostante la banda venga sgominata, non torna il sereno: resta qualche cicatrice dolente, e – cosa ben più grave – l’impossibilità per l’Alligatore di farsi curare dalla consueta medicina del blues.




Nessuna cortesia all’uscita

1999

177 pp. – €9,50 – Edizioni E/O

Alligatore Carlotto - Nessuna cortesia all'uscita di Massimo Carlotto

Questo romanzo di Massimo Carlotto (Il terzo della serie dell’Alligatore) racconta dall’interno le trasformazioni del panorama criminale del nostro paese, i mezzi e le strategie dei soggetti di questa battaglia sanguinosa che si svolge sotto i nostri occhi.
Si parla della mafia del Brenta, della mafia russa, della nuova criminalità albanese, dell’uso spregiudicato dei criminali pentiti da parte della magistratura. L’Alligatore è entrato nel mondo degli investigatori e della giustizia dalla porta di servizio (la galera). Usa mezzi illegali, lavora assieme a un contrabbandiere piuttosto violento e a un reduce (però sempre in gamba) della controinformazione degli anni Settanta. Ma il suo obiettivo resta sempre alto: la giustizia.


Il corriere colombiano

2001

144 pp. – €9,50 – Edizioni E/O

L'alligatore - Il corriere colombiano di Massimo Carlotto

L’Alligatore è in crisi. L’ex galeotto, ex cantante di blues, ora detective per necessità economiche e voglia di giustizia, si accorge che il gioco si è fatto più duro, è cresciuta la violenza, le vecchie regole sono saltate e, soprattutto, chi tira la fila è troppo in alto, troppo potente. Per coprire un’operazione speciale i corpi scelti delle forze dell’ordine incastrano un innocente con l’accusa di spaccio di cocaina colombiana. Tirarlo fuori di galera non sarà facile, perché l’uomo ha comunque dei conti in sospeso con la polizia. L’Alligatore assieme ai due “soci” Rossini e Max la Memoria, va allo scontro con i narcotrafficantes colombiani, con gli spacciatori di ecstasy del Triveneto e con le forze dell’ordine.


Il maestro di nodi

2002

160 pp. – €9,50 – Edizioni E/O

Alligatore Carlotto - Il maestro di nodi

Ogni nuova apparizione dell’Alligatore sorprende più delle precedenti. E’ un personaggio che ancora ha dentro di sé e attorno a sé un’enormità di cose da scoprire. Questa volta è costretto suo malgrado a navigare nell’inquietante mondo del sado-masochismo, un universo di violenza e solitudine che dà i brividi. Il marito di una donna scomparsa, non osando confessare alla polizia il vergognoso segreto della partecipazione sua e di sua moglie a una rete di orge sadomaso, si rivolge all’Alligatore, l’unico investigatore che viaggia nei territori oscuri dell’illegalità. E la scoperta di questo mondo di gente sola e ricattata dove predatori feroci si aggirano e colpiscono in modi efferati, è la prima delle sorprese che ci porta l’Alligatore questa volta. La seconda sorpresa sono i suoi amici e colleghi: Max la Memoria e Beniamino Rossini. I lettori dei romanzi dell’Alligatore li conoscono bene poiché lo accompagnano in ogni avventura. Ma questa volta rivelano nuovi aspetti della loro interessante personalità di “criminali-gentiluomini”. Max ritrova e rinnova il suo impegno politico: è a Genova durante i drammatici fatti del G8 ed è impegnato nel commercio equo-solidale. Rossini ci stupisce con la sua personale etica di gangster della vecchia guardia quando discute su cosa è giusto fare o non fare, sulle regole di una “criminalità sostenibile”. Il carcere è la terza grande sorpresa di questo romanzo. La regola aurea degli ex-detenuti vuole che non si parli mai degli anni bui trascorsi dietro le sbarre. Ma questa volta, per la caparbia insistenza di Max, i tre soci affrontano la questione a partire dalle inquietanti analogie tra l’universo sadomaso e il mondo del carcere. Riaffiorano ricordi dolorosi e sconvolgenti di violenze viste o subite. Qui il noir di Carlotto si tinge delle sue tonalità più scure e scava a fondo nelle parti più buie dell’esperienza umana. Infine, ma questa non è una sorpresa, la trama del nuovo episodio dell’Alligatore è un meccanismo perfetto, una miscela insuperabile di suspense, indagine, dialoghi hard-boiled, personaggi ben delineati. Il maestro dei nodi si presenta così come una nuova tappa dell’innovativo e avvincente percorso letterario e politico del noir mediterraneo.


 

L’amore del bandito

2009

208 pp. – €9,50 – Edizioni E/O

L'Alligatore - L'amore del bandito

2004. Dall’Istituto di medicina legale di Padova spariscono 44 chili di sostanze stupefacenti. Criminalità organizzata da un lato e forze dell’ordine dall’altro si scatenano. L’Alligatore riceve pressioni per indagare e scoprire l’identità dei responsabili del furto. L’investigatore senza licenza non ci sta ma a certa gente non basta dire di no…

2006. Due anni più tardi scompare Sylvie, la donna di Beniamino Rossini, la ballerina di danza del ventrefranco-algerina conosciuta anni prima in un night del Nordest. Il vecchio gangster non si dà pace e la cerca ovunque. Ben presto l’Alligatore, Beniamino Rossini e Max la Memoria si ritrovano braccati da un nemico misterioso che li ricatta e li costringe a entrare in un gioco mortale…

2009. La storia non è ancora finita. L’Alligatore e i suoi amici sono ancora in pericolo e attendono la prossima mossa del loro temibile avversario.

Una storia di malavita, un noir dove si intrecciano i destini di vecchi e nuovi gangster in un mondo dove le regole di un tempo non esistono più. Solo il passato torna sempre a chiedere il conto.


 La banda degli amanti

2015

208 pp. – €9,50 – Edizioni E/O

Padova. Guido Di Lello, un tranquillo professore universitario, scompare all’improvviso. Tutti lo cercano ma sembra svanito nel nulla. Dopo qualche mese il suo caso finisce tra quelli insoluti, la sua fotografia mescolata a quelle degli altri scomparsi. Solo una donna conosce la verità: Oriana Pozzi Vitali, la sua amante segreta, appartenente a una ricca e nota famiglia di industriali svizzeri. Ha preferito il silenzio per evitare di essere coinvolta ma alla fine, travolta da un insostenibile senso di colpa, si confida con un’avvocatessa che le consiglia di rivolgersi all’investigatore senza licenza Marco Buratti, detto l’Alligatore.
Buratti accetta e inizia a indagare insieme ai suoi soci Beniamino Rossini e Max la Memoria. All’inizio sembra un caso senza speranze, poi un labile indizio li conduce sulla pista giusta e i tre si trovano coinvolti in una torbida storia che li costringerà a scontrarsi con la raffinata mente criminale di Giorgio Pellegrini (protagonista di Arrivederci amore, ciao e Alla fine di un giorno noioso).
Una partita mortale in cui entrerà anche Giulio Campagna, un poliziotto molto particolare che in tutta la sua carriera non ha mai agito secondo le regole.
I protagonisti di questo romanzo sono i sopravvissuti di un mondo malavitoso che va scomparendo e lotteranno senza esclusione di colpi per non essere sconfitti dagli avversari e dal tempo.


 

Per tutto l’oro del mondo

2015

192 pp. – € 9,00 – Edizioni E/O

Una delle tante rapine nelle ville delle campagne del Nordest finisce in tragedia con un duplice e brutale omicidio. Nonostante gli sforzi, le indagini non portano a nulla. Due anni dopo Marco Buratti viene contattato per indagare sul crimine e scoprire i responsabili. Il suo cliente è giovane, il più giovane che gli sia mai capitato, ha appena dodici anni ed è il figlio di una delle vittime che lo ingaggia offrendogli venti centesimi di anticipo. Fin dall’inizio la verità appare sconvolgente e contorta, per certi versi inaccettabile. L’Alligatore e i suoi soci, Beniamino Rossini e Max La Memoria si ritrovano ben presto invischiati in una vicenda di oro e di vendetta che li obbliga a scontrarsi con bande di rapinatori e criminali insospettabili. Nulla è facile in questa inchiesta che si trasforma presto in una trappola infernale. Nessuno vuole pagare per i propri crimini, tutti vogliono arricchirsi mentre l’Alligatore e i suoi amici devono tutelare gli interessi del loro cliente. Massimo Carlotto, con questo romanzo, affronta un tema scottante come quello delle rapine nelle ville, nervo scoperto di un intero territorio che spesso reagisce in maniera scomposta. Lo scrittore padovano propone un punto di vista inedito su dinamiche criminali e sociali che si intrecciano in spirali perverse.

 


 

Blues per cuori fuorilegge e vecchie puttane

2017

pp. 224 – € 16,00 – Edizioni E/O

Il Bene e il Male, ancora una volta mascherati e insidiosi da distinguere, si scontrano nell’arena internazionale delle grandi operazioni segrete di polizia, dei traffici di droga, prostituzione e identità.

La scrittura di Massimo Carlotto, già uno dei migliori autori di noir, fa un salto di livello.
Il romanzo è il più complesso “Alligatore” che abbia scritto finora, un meccanismo perfetto come un orologio svizzero, uno scavo nelle psicologie di personaggi in bilico sul crinale nebbioso tra Bene e Male, un’ironia tagliente e un’umanità sincera. Un grandissimo noir sul conflitto tra crimine e forze di Polizia dove, troppo spesso, le vittime sono solo pedine senza valore.

Marco Buratti detto l’Alligatore e i suoi soci Max la Memoria e Beniamino Rossini sono caduti in una trappola ordita dal nemico più pericoloso con cui abbiano dovuto misurarsi: Giorgio Pellegrini.

Pellegrini, in fuga dalla Legge e dalle pallottole di Beniamino Rossini, non intende vivere da latitante per il resto della vita e decide di diventare un infiltrato per conto della polizia. Qualcosa va storto e una squadra di killer spietati arriva dall’estero per assassinare sua moglie e la sua amante.

L’indagine parallela per identificare i responsabili viene affidata all’Alligatore e ai suoi soci. Loro non vorrebbero avere nulla a che fare con la vicenda ma vengono ricattati dalla dottoressa Angela Marino, alto funzionario del ministero dell’Interno. I nostri scoprono ben presto che il loro destino è comunque segnato. Anche se riusciranno nell’impresa verranno tolti di mezzo da una falsa accusa che li manderà in carcere per molti anni. La missione affidata a Pellegrini ufficialmente non esiste e non sono previsti testimoni.

Buratti, Max e Beniamino reagiscono. Giocano questa partita senza regole per cercare di sopravvivere. L’Alligatore ha un motivo in più per non soccombere: in un hotel ha conosciuto una donna. Una “vecchia puttana” quarantenne di nome Edith. Tra i due è stato amore a prima vista.